Una dieta antiinfiammatoria, può servire come terapia complementare in diverse situazioni con l’obiettivo di ridurre l’infiammazione e prevenire o curare le patologie che ne derivano.

Utile se si soffre di:

  • artrite reumatoide
  • psioriasi
  • malattie croniche intestinale
  • sindrome metabolica
  • asma
  • colite
  • diabete
  • obesità
  • malattie cardiovascolari
  • lupus
  • morbo di Hashimoto

Una dieta di questo tipo è molto simile alla dieta Mediterranea in cui si combinano diversi alimenti che sono ricchi di nutrienti e con una buona percentuale di grassi buoni, in particolare ricca di omega 3, ed elevate concentrazioni di antiossidanti. Ricordo, però, che la quantità di un singolo antiossidante contenuto in un alimento non sempre riflette la sua capacità totale , poiché questa dipende dalla sinergia tra le diverse molecole presenti nell’alimento.

Buone Abitudini

  1. Alimentazione sana e variegata
  2. Attività fisica quotidiana: 30 min di camminata
  3. Buona qualità del sonno. La carenza di sonno o anche la mancanza di sonno continuativo è collegata a uno stato infiammatorio, con un aumento nel sangue del fattore di von Willebrand, IL-6.

Alimenti da prediligere:

  1. Frutta e verdura con elevato potere antiossidante (5 porzioni al giorno), in particolar modo quelle dal colore che va dal rosso al blu, poiché contengono antocianine, coloranti naturali con azione antinfiammatoria anticancro, controllo obesità, diabete e problemi cardiovascolari
  2. Cereali integrali (2-3 volte al giorno)
  3. Olio (almeno due cucchiai) ricco di acidi grassi monoinsaturi, antiossidanti e oleocantale (riduce infiammazione e dolore)
  4. Pesce (2-3 volte a settimana) in quanto sono ricchi di omega-3, in grado di ridurre le quantità circolanti nel sangue di PCR, IL-6 (molecole pro-infiammatorie)

  • MIRTILLI: ricchi di antocianine
  • CIOCCOLATO EXTRAFONDENTE
  • CARCIOFI : preferibilmente cotti al vapore, poiché tramite questa cottura (anche con ebollizione) si rompono le pareti cellulari, rendendo più accessibili gli antiossidanti
  • NOCI
  • FRAGOLE
  • LAMPONI
  • LEGUMI, in particolare fagioli
  • UVA ROSSA
  • SPINACI
  • RAPA ROSSA
  • CAVOLO, preferibilmente rosso, poiché contiene più antocianine
  • ORTAGGI ARANCIONI: PATATE DOLCI, CAROTE, ZUCCA
  • TONNO
  • SALMONE
  • SARDINE
  • ACCIUGHE
  • SEMI DI LINO e ZUCCA
  • AVOCADO
  • CEREALI INTEGRALI: pane, riso, pasta, ma anche avena, orzo, segale, farro, grano saraceno, miglio, amaranto
  • SOIA (Tofu)
  • CIPOLLE
  • MELE
  • ANANAS
  • CURCUMA E ZENZERO
  • KEFIR
  • ACQUA

Alcuni studi hanno mostrato che in persone che facevano una dieta vegetariana presentavano una minor concentrazione di marker infiammatori.

Alimenti da evitare

  • Cibo processato e industrializzato, poiché ricco di zuccheri, conservanti, grassi e sale
  • Dolci, caramelle, gelati
  • Troppo alcol
  • Olio scadente
  • Patatine, snack
  • Bibite zuccherata

Alimenti da limitare

  • Glutine: piante del gruppo Triticum : grano, grano duro, kamut, farro. Evitare di comprare alimenti specifici per celiaci (se non soffrite di celiachia), poiché questi possono contenere additivi (anche chimici) e a volte una maggior concentrazione di grassi, meglio quindi scegliere alimenti che normalmente non contengono glutine: il grano saraceno, il grano turco, il miglio, il riso, l’amaranto e l’avena. Se non siete celiaci non dovete eliminare totalmente il glutine, ma alternare alimenti con e senza glutine.
  • Solenacee: pomodori, melanzane, peperoni, patata. Meglio eliminarle per qualche settimana
  • Carboidrati ad alto indice e carico glicemico
  • Lievito di birra. Il lievito di birra è ricco di diversi nutrienti, tra cui vitamine del gruppo B, ferro, selenio, zinco etc, quindi ha effetti benefici su chi soffre di patologie cardiovascolari (poiché le vitmaine del gruppo B abbassano l’omocisteina, rafforza il sistema immunitario ed utile a chi soffre di anemia, ma un suo uso eccessivo potrebbe portare a gonfiore addominale, meteorismo, quindi da limitare se si soffre di colite.

CAFFE’: il caffè contiene antiossidanti, quali i polifenoli, quindi due tazzine di caffè si possono bere, ma evitare di aggiungere

Supplementi sempre sotto consiglio del medico curante

Omega 3- Zinco (rafforza il sistema immunitario, ma interagisce con calcio e certi antibiotici) – Capsaicina, te’ verde (contiene caffeina e potrebbe dare problemi di stomaco a chi è sensibile alla caffeina)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie. Continuando ad utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie durante la navigazione. Maggiori informazioni sui cookie sono disponibili a questo link

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi