woman-759688_1920

La cellulite è causata anche da uno stato di acidosi tissutale, cioè un accumulo di sostanze acide in alcuni tessuti. Normalmente il nostro organismo con il metabolismo produce scorie  metaboliche acide che prima di essere eliminate attraverso intestino, reni, polmoni e pelle devono essere neutralizzate, ma nel mondo industrializzato a causa di un alimentazione scorretta, di stili di vita errati (fumo, antidolorifici che contengono acido acetilsalicinico), stress, spavento, rabbia  o un eccesso di attività fisica (causa formazione di acido lattico) portano a un accumulo di molecole acide, che non possono essere trasformate e possono quindi portare al ristagno di liquidi con conseguente formazione di cellulite.

Quali sono gli alimenti da evitare o da limitarne il consumo poiché acidificano il corpo?

Prodotti da forno bianco, in particolare cereali raffinati e zucchero in tutte le sue forme (che vengono metabolizzati producendo  acido acetico)

caffè e tè che apportano acido tannico e acido cloridrico

proteine di origine animale, anche i latticini che producono acido urico, acido solforico (specialmente la carne suina) e acido nitrico

bevande gassate ( che contengono acido carbonico e fosforico)

vino (acido tartarico)

mais, arachidi, aceto, alcuni legumi (ceci, fagioli bianchi e lenticchie)

sodio e glutammato (cloruro di sodio: sale da cucina e quindi anche le salse di soia, i dadi per minestre, salse, conserve, salumi, patatine fritte, cibi confezionati e in scatola). Il sodio trattiene acqua all’interno dei tessuti impedendo il corretto scambio di liquidi tra la cellula e l’esterno.

La situazione ideale è un giusto equilibro tra sostanze acide e basiche che può essere ottenuto con delle semplici attenzioni quotidiane. Una alimentazione corretta dovrebbe apportare una percentuale molto maggiore di alimenti alcalinizzanti per contrastare gli acidi che vengono introdotti o che si formano tramite la metabolizzazione degli alimenti.

Per poter neutralizzare l’acidosi tissutale e quindi contrastare la cellulite bisogna:

– bere tanta acqua (almeno un litro e mezzo, preferibilmente lontano dai pasti e non gasata), anche in forma di tisane non zuccherate, poiché l’acqua aiuta a eliminare attraverso le urine i liquidi e scorie trattenuti dai tessuti ed idrata la pelle.

tutta la verdura cruda  ha potere alcalinizzante, in particolar modo: finocchi, indivia, sedano, carciofi, asparagi, carote poichè ricchi di potassio che contrastano il sodio; piselli, patate, cipolla, che hanno proprietà diuretiche, facilitando l’eliminazione dei liquidi in eccesso e delle sostanze di rifiuto; verdura verde: spinaci, broccoli, fagiolini, cetrioli, cavoletti di bruxelles

frutta non dolce, in particolar modo:  agrumi (limoni e pompelmo), che anche se chimicamente sono acidi, nel nostro corpo hanno un effetto alcalinizzante, grazie alla loro elevata concentrazione di bicarbonato di sodio e potassio. Una buona abitudine appena alzati è di bere acqua con spremuto mezzo o un limone intero; mirtilli, frutti di bosco e sottobosco e kiwi poiché migliorano la microcircolazione e favoriscono il ritorno venoso riducendo stati edematosi e ristagni di liquidi; melone, anguria, fragole,  che a causa  del loro elevato contenuto di acqua hanno un effetto diuretico; albicocche, ribes, ananas e ciliegia per il loro elevato contenuto di potassio che contrasta il sodio

– condimenti alcalinizzanti: zenzero, peperoncino, curry, salvia, semi di finocchio e di cumino

– Cereali: quinoa, miglio e amaranto

Inoltre frutta e verdura sono ricchi di antiossidanti e di fibre, che oltre a migliorare l’aspetto della cute, aumentano il transito intestinale, facilitando l’eliminazione di scorie e diminuendo l’assorbimento di grassi e zuccheri. La verdura deve essere preferibilmente mangiata a cruda o cotta al vapore e condita con un cucchiaio di olio di oliva.

Buone abitudini: per poter combattere la cellulite non bisogna solo stare attenti a quello che si mangia, ma cercare di adottare delle buone abitudini, in primis cercare di evitare lo stress, che causa un aumento di cortisolo che oltre a rendere la pelle più sottile poiché diminuisce la produzione di collagene, in alcuni distretti  causa anche un aumento di cellule grasse. Bisogna abituarsi a respirare in modo corretto, infatti una respirazione profonda non solo allontana lo stress, ma apporta maggior ossigeno a tutte le cellule dei  tessuti con conseguente miglioramento della circolazione sanguigna ed eliminazione di scorie. Fare attività fisica quotidiana, ma non eccessiva (ad es: cercare di camminare tutti i giorni, fare le scale), e massaggi linfodrenanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie. Continuando ad utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie durante la navigazione. Maggiori informazioni sui cookie sono disponibili a questo link

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi